carrirc.attivoforum.com

Se il MEZZO MILITARE è il tuo INTERESSE, sei nel posto giusto...e il nostro Club è TUTTO GRATIS!
 
IndicePortaleGalleriaCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Statistiche
Abbiamo 66 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Capitandany

I nostri membri hanno inviato un totale di 19938 messaggi in 1367 argomenti

Condividere | 
 

 Un vero campo americano

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
borealis
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Astesàn!
Età : 46
Messaggi : 2374
Data d'iscrizione : 30.04.10

MessaggioTitolo: Un vero campo americano   Mar 4 Giu 2013 - 7:10

Cercando spunti per allestire un campo americano che fosse storicamente corretto nel rappresentare una vera base allestita nelle retrovie di un fronte, mi sono imbattuto in contraddizioni con quanto fa parte dell'immmaginazione comune.

Basandoci su quanto abbiamo finora allestito durante le manifestazioni, vediamo di commentare gli elementi presentati nell'ottica di migliorarsi continuamente:




TENDE very good
Queste sicuramente erano presenti in qualunque campo mobile, ove non fosse possibile adottare edifici in muratura per l'accasermamento. Di diversa dimensione a seconda dell'utilizzo, si andava dalle piccole tende per la truppa a quelle più grosse destinate alla logistica, al reparto comando e alla mensa. Approvata.

RECINZIONE very good
Recinzioni, muretti, ostacoli erano logicamente adottati per incanalare il traffico e per delimitare il perimetro dell'accampamento, quindi ci possono stare. Approvata.


TORRI DI OSSERVAZIONE sorry
Sebbene facciano parte dell'immaginario collettivo, difficilmente in un campo mobile venivano allestite delle torri alte per l'osservazione e l'allarme. Se si cerca documentazione fotografica a riguardo, l'utilizzo di tali costruzioni era limitato ai lager e ai campi di prigionia, dove assolvevano alla duplice funzione di controllare le immediate vicinanze ma soprattutto l'interno del campo, dall'alto.
Di sicuro non ci si basava su una vedetta e sul limitato raggio visivo di un binocolo per avvistare 'nemici in arrivo', nè ci si affidava ad una postazione così' vulnerabile ai tiri di artiglieria, ai cecchini e alle semplici granate per la difesa del campo stesso. Per quanto scenografiche sono da bocciare in un allestimento storicamente verosimile, e da sostituire con bunker bassi, meglio protetti, e magari posti su alture nelle immediate vicinanze del campo stesso (oltre che nei pressi dell'ingresso) per l'avvistamento e la difesa ravvicinata.


TORRE DELL'ACQUA sorry
Per gli stessi motivi della torre di osservazione, un serbatoio sopraelevato sarebbe stato un divertente bersaglio per qualsiasi cecchino, che si sarebbe divertito a sforacchiarlo provocando una piacevole pioggerella sulle tende e sugli equipaggiamenti sottostanti. Per non parlare dei danni da alluvione che avrebbe provocato una piccola esplosione alla sua base, facendolo crollare.
Un serbatoio di acqua in caduta avrebbe avuto senso nei pressi delle docce (ma certo di capacità molto minore) o in una stazione ferroviaria (per rifornire una locomotiva a vapore, in abbinamento ad un serbatoio con scivolo di carbone). Bocciata.


ASTA DELLA BANDIERA very good
Ci può naturalmente stare. Approvata.


Ricapitoliamo quindi quali elementi sarebbero da aggiungere:

Bunker : (anche tronchi e terra, coperti) / nidi di mitragliatrice (nei bunker o scoperti, fatti solo con sacchi).

Baracche di legno: a rappresentare un campo semi-stabile, anche in abbinamento alle tende.

Serbatoi di benzina: in un campo di carri armati, i serbatoi del carburante non mancavano certamente. Erano normalmente ben protetti dai proiettili vaganti mediante muri di contenimento in terra, legna e sabbia.

Officina da campo: una zona dove effettuare riparazioni ai mezzi, con un deposito ricambi e un paranco o una gru.

DEposito munizioni: dove si tenevano i proiettili e le munizioni, generalmente un posto ben protetto dall'artiglieria e dal fuoco nemico, grossi terrapieni (se allo scoperto), casse di legno per i proiettili, o un vero e proprio bunker (meglio sotterraneo) se era possibile costruirlo o recuperarlo da edifici esistenti.

Aggiungete le vostre idee in merito, così che i prossimi appuntamenti rispecchino il miglioramento qualitativo che hanno sempre avuto igli allestimenti di stemma ufficiale
Tornare in alto Andare in basso
Admin Colomboantonio2005
Admin
Admin
avatar

Località (indirizzo completo) : Sant'Angelo Lodigiano
Età : 48
Messaggi : 1697
Data d'iscrizione : 27.04.10

MessaggioTitolo: Re: Un vero campo americano   Mar 4 Giu 2013 - 10:10

Concordo con quanto da te scritto, inoltre le strutture da te giustamente menzionate risultano di facile realizzazione e sicuramente per la prossima manifestazione ufficiale vedremo di allestirle a dovere. Ciao Colombo

_________________
Fama di loro il mondo esser non lassa;
misericordia e giustizia li sdegna:
non ragioniam di lor, ma guarda e passa
Tornare in alto Andare in basso
http://carrirc.attivoforum.com
borealis
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Astesàn!
Età : 46
Messaggi : 2374
Data d'iscrizione : 30.04.10

MessaggioTitolo: Re: Un vero campo americano   Ven 14 Giu 2013 - 9:18

Una breve digressione sul fatto che anche le bandiere dovrebbero essere storicamente corrette a seconda dell'ambientazione che si va a rappresentare...

Ad esempio, questa bandiera (notare la disposizione trasversale delle stelle):



Mooolto bella... quanto errata nell'utilizzo in un'ambientazione della seconda guerra mondiale...


La bandiera sopra ha difatti 50 stelle, uno per ogni stato, compresi quindi Hawaii e Alaska, che nel 39-45 non erano ancora entrati a far parte degli Stati Uniti... la bandiera è difatti adatta solo a rappresentare ambientazioni datate dal 4 luglio 1960 in poi (la bandiera viene aggiornata tradizionalmente il 4 luglio successivo all'ingresso di un nuovo stato), quindi ci può stare per un'ambientazione 'guerra del Vietnam', ma già per la Corea non va bene... per la WWII tanto meno....

Quella corretta per la WWII è questa a 48 stelle (notare la disposizione delle stelle per righe e colonne):



Giusto per sottolineare quali siano i dettagli significativi quando si vuol fare, anche negli elementi di contorno, del modellismo storico...anzichè distrarre l'attenzione dei meno accorti su dettagli secondari...
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Un vero campo americano   

Tornare in alto Andare in basso
 
Un vero campo americano
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» piccolo campo
» Il vero senso della vita
» Ristrutturazione Gestaltica del Campo Esistenza
» Il Falso Sé : ognuno è vero tanto quanto non lo è
» Secondo voi qul'è il prezzo giusto per i miei copri Agenda???

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
carrirc.attivoforum.com :: AMBIENTAZIONI-
Andare verso: