carrirc.attivoforum.com

Se il MEZZO MILITARE è il tuo INTERESSE, sei nel posto giusto...e il nostro Club è TUTTO GRATIS!
 
IndicePortaleGalleriaCalendarioFAQCercaRegistratiAccedi
Accedi
Nome utente:
Password:
Connessione automatica: 
:: Ho dimenticato la password
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Statistiche
Abbiamo 71 membri registrati
L'ultimo utente registrato è carristerc

I nostri membri hanno inviato un totale di 20205 messaggi in 1390 argomenti

Condividere | 
 

 Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Mer 9 Feb 2011 - 21:09

.


... note sul Tiger "leggendario" ...


Il Tigre segnò il radicale cambiamento nei criteri di impostazione dei carri armati tedeschi.
Fino ad allora si era privilegiata la mobilità e velocità rispetto alla corazzatura ed all'armamento.
Questo perchè la Guerra Lampo imponeva la velocità come chiave per la vittoria e la Germania giocava una partita tutta all'attacco.
Quando l'andamento e il prolungamento del conflitto constrinse a tattiche difensive o di attacco ad un nemico ben agguerrito e all'erta, i tedeschi si resero conto di aver bisogno di carri pesantemente corazzati ed armati.
La Henschel prese il prototipo su cui stava lavorando (35 tonellate e un cannone da 75 mm) e lo portò al massimo fino a raggiungere 45 tonellate con un cannone da 88mm.
Il 20 Aprile 1942, compleanno del Fùhrer vennero presentati i due protitpi di Porsche e di Henschel.
Vinse Henschel.
Porsche si trovò a guardare sconsolato il suo prototipo VK 4501 su cui aveva investito molto in termini di ricerca, denaro e speranze.
Lo chassis venne riciclato grazie ad un ordine diretto di Hitler ispirato da Ferdinand Porche per realizzare il cacciacarri Ferdinand di cui leggerete più avanti.
La torretta venne invece ritenuta ottima e venne montata così com'era sul prototipo vincente della Henschel.
Ecco quindi nascere un carro squadrato e fatto di corazze saldate ad angolo retto con una insolita una torretta rotonda.


Il Fùhrer anche se fortemente sconsigliato, volle mandare 19 nuovi Tigre ancora di preserie in Africa per testarli contro il nemico.
I carri terrorizzarono gli americani rivelandosi invulnerabili frontalmente ai pezzi anticarro grazie ai 120 mm di corazza.
Divennero un mito ed un demone evocato, anche se usati pochissimo. Negati a Rommel che ne chiedeva il comando, finirono malamente impantanati in una palude e vennero catturati quasi tutti intatti.
Inutile dire che furono preziosa fonte di spunto per i progettisti alleati e i tedeschi persero l'occasione di fare un sorpresa tattica di maggior impatto.

Riporto uno solo dei tanti exploit compiuti da questo carro per descriverne l'efficacia e la superiorità sui carri che gli venivano opposti.
Il 7 Luglio 1943, il Tigre del comandante delle SS Franz Staudegger del 2° Plotone della 13^ Compagnia Carri della 1^ Divisione della Leibstandarte SS Adolf Hitler Ingaggiò un il suo mezzo un gruppo di 50 carri russi T-34 nei pressi di Psyolknee (il settore meridionale del saliente tedesco nella Battaglia di Kursk).
Staudegger consumò l'intera dotazione di munizioni del suo carro (92 proiettili) e distrusse 22 carri nemici, mentre i restanti si ritirarono.
Per questo exploit Franz Staudegger fu decorato con la Croce di Cavaliere della Croce di Ferro.

Dieci comandati di Tigre hanno superato i 100 carri nemici distrutti, i primi quattro sono, nell'ordine:

Kurt Knispel con 168 vittorie,
Otto Carius con 150 vittorie,
Johannes B?r con 139 vittorie
Michael Wittmann con 138 vittorie

Solo 4 equipaggi di 5 persone (ossia 20 persone in tutto) con il carro Tigre hanno distrutto 595 carri nemici.
Se nonostante questo la guerra ha preso una piega diversa, la riposta sta nei numeri: non più di 5000 Tigre vennero costruiti dal 1942 al 1945, mentre i russi produssero 58.000 carri del solo tipo T34, mentre dalle linee di montaggio delle industrie americane uscirono oltre 50.000 M4 Sherman.
Con un rapporto 100 a 1 qualunque superiorità tecnica deve soccombere.


Anche se secondo me, fu l'aereo il vincitore contro il carro...........

Tante vero che attualmente il carro armato soffre contro l'arma aerea ancor peggio di 60anni fa......




.








Ultima modifica di lessahnevs il Gio 10 Feb 2011 - 15:41, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Mer 9 Feb 2011 - 21:14

.


.

... la differenza tra l'Initial... con i vecchi cingoli...



... e l'ultima serie del Tiger L... con i cingoli Winter...



... spariti i filtri aria esterni troppo esposti a danni da combattimento...



... la botola ribassata "dava la possibilità al proiettile avversario di scivolare senza esplodere"...



... l'identificazione del carro è lo 007 di Micheal Witmann ... colpito in pieni da un cacciabombardiere americano nelle Falise provenzali in Francia...



... il bravo marconista-mitragliere di vedetta...



... la poderosa trasmissione con il cambio marce sequenziale...



... e la guida con volante...



.


Ultima modifica di Sven Hassel il Dom 15 Gen 2012 - 9:34, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Mer 9 Feb 2011 - 21:18

.



Considerazioni sui sistemi di direzione dei mezzi cingolati.

Queste poche righe per apprendere le nozioni basilari dei sistemi direzionali dei veicoli cingolati, siano essi civili o militari.

Per direzionare un veicolo cingolato è necessario rallentare o fermare un cingolo rispetto all' altro, si ottiene cos' un sistema di frenatura, parziale o totale. Il veicolo farà perno sul cingolo piu lento e ruoterà secondo un raggio piu o meno ampio. Esistono due metodi fondamentali, la sterzatura a freno e la sterzatura a differenziale.

Considerazioni sulla progettazione
Un sistema di sterzatura deve essere facile da usare. I carri sono mezzi incredibilmente pesanti, potenti e costosi, in genere vengono usati da giovani reclute con esperienze limitate, di notte, con scarsa visibilità in fuori strada, in zone poco familiari e spesso sotto il fuoco nemico. Pertanto, qualunque meccanismo di sterzo venga adottato, deve essere abbastanza semplice da gestire e sopratutto deve anche essere efficiente. Le eventuali inefficenze producono calore, di solito l'attrito in un freno o della frizione che slitta e, dal momento che un veicolo cingolato è pesante ed implica un motore potente, l'inefficienza è in grado di produrre una quantità di calore problematica. Ad esempio, un motore di 1500 CV accoppiato ad una trasmissione efficiente al 50% produrrà 60.000 watt di calore non voluto. Tutto questo calore deve essere estratto dal veicolo prima che causi problemi, inoltre, tutto significa energia non più disponibile all'sse, con una trasmissione più efficente si potrebbero ridurre peso, serbatoio, e calore dissipato. In un mezzo civile questi problemi si riducono per importanza, ma comunque sempre problemi da affrontare


Sistemi di guida

Dual Drive
Il modo più semplice per raggiungere questo obiettivo è quello di accoppiare ad ogni cingolo una sorgente di alimentazione separata. I veicoli cingolati più vecchi, tra cui il trattore di Holt, fine del 1800 e del Whippet, il British Light Tank della 1 guerra mondiale, funzionavano con questo principio che però aveva i suoi inconvenienti. Prima di tutto, erano necessari due motori. Nel caso di un trattore alimentato a vapore, questo non era un problema, dal momento che il "motore" era solo una piccola parte del tutto, e due (o più potevano, e spesso era così che potevano condividere una singola caldaia. Nel caso dei motori a combustione interna, tuttavia, erano necessari due motori completi, con tutto il peso extra, la complessità e la relativa manutenzione. In questo caso, due motori non si traducevano in una l'affidabilità di coppia, ma metà affidabilità di un singolo motore, nel caso di mal funzionamento di uno dei due motori il veicolo era capace solo di girare in tondo.
Un secondo problema era la difficoltà da guidare in linea retta. La velocità di un cingolo è in funzione della potenza ad esso applicata e alla resistenza del terreno Mentre è possibile coordinare due motori in modo tale da produrre la stessa quantità energia, è altamente improbabile che ogni cingolo incontri la stessa resistenza nel terreno, e di conseguenza i cingoli gireranno a velocità leggermente diverse. Inoltre la resistenza offerta dal terreno era una continua variabile costringendo il conduttore a continui aggiustamenti di traiettoria. Tuttavia, ogni cingolo con una sorgente di alimentazione separata ha un vantaggio, il fatto cioè di poter invertire il senso di marcia di un cingolo e quindi piroettare sull'asse del carro, tutto a vantaggio della mobilità. La difficoltà nel viaggiare in linea retta, è minima a bassa velocità i moderni bulldozer spesso utilizzano questo sistema, anche se leggermente modificato con un unico motore, una pompa idraulica e due motori idraulici, uno per ogni cingolo. Molti modelli RC utilizzano questo sistema con due motori elettrici, è poco costoso e di facile attuabilitè.

Frizione-freno di sterzo
Molto meno complicato (in quanto richiede un solo motore) la frizione ed impianto frenante, dove la produzione di una singola fonte di alimentazione è accoppiata ai cingoli direttamente. Dal momento che sono fisicamente collegati gli uni agli altri, i cingoli viaggiano alla stessa velocità e il veicolo viaggia in linea retta. Per consentire la sterzata ogni cigolo può essere disaccoppiato dal motore con una frizione, che consente di girare abbastanza dolcemente. Un freno può rallentare per stringere la curva, fino al punto di fermarsi e stringere la curva il più possible.

Con questo sistema il carro è abbastanza semplice e facile da guidare, e la maggior parte dei carri armati della prima guerra mondiale, usavano questo metodo di sterzatura. Tuttavia, non è molto efficiente. Un cingolo frenato rallenta il veicolo, una gran parte della potenza erogata dal motore era convertita in calore. Anche se questo non è un problema significativo in un piccolo carro, un veicolo di grandi dimensioni con un motore potente è in grado di produrre una grande quantità di calore in un tempo molto breve. Un cingolo frenato rallenta il veicolo in modo significativo, che è un problema nei veicoli militari in cui la velocità fondamentale. inoltre è anche un po imprevedibile. La curva della forza frenante di imbardata sostanzialmente piatta, il che significa che un piccolo cambiamento nella forza frenante può proovocare un grande cambiamento del raggio di sterzata. Se la frizione di un cingolo diisimpegnata, salendo un pendio molto ripido, il carro perde la direzione, anche senza l'applicazione del freno. La stessa cosa avviene scendendo un pendio molto ripido. Infine, la frizione /freno non permette al veicolo di eseguire una virate sul proprio asse.

Sterzata con sistema ad ingranaggi
Questo sistema ha risolto il problema dell?inefficenza e dell'imprevedibilità della sterzata

In questo esempio, un singolo motore è collegato ai cingoli attraverso trasmissioni separate, e il veicolo è direzionato selezionando diversi accoppiamenti di ingranaggi per ogni cingolo. Ad esempio, il cingolo di sinistra in 1 marcia ed il cingolo destro in 2 marcia si tradurrebbe nel cingolo di sinistra che gira più lentamente e quindi il carro girerà a sinistra. Se i rapporti del cambio sono molteplici, si possono ottenere un gran numero di raggi di sterzata, e se ogni trasmissione è muunita di una retromarcia, si possono ottenere sterzate a pivot. Questo sistema richiede abilità da parte del conduttore, ma è efficace e non terribilmente complessa. Uno svantaggio minore è che il veicolo non può sterzare mentre è in 1 marcia.

Frenata direttiva con differenziale
Il sistema frizione-freno può essere semplificato con un differenziale ed eliminare quindi le frizioni, il risultato è che quando si frena un cingolo, l'altro aumenta di velocità.
Questo sistema è ancora meno efficiente del sistema di frizione-freno, nel senso che il freno non solo dissipa l'energia del cingolo che è rallentato, ma anche una parte della potenza del motore. Inoltre si ha un grande consumo di carburante ed imprecisione di guida. Tuttavia, è estremamente semplice, e può basarsi su un convenzionale differenziale e sistema frenante automobilistico. Anche in questo caso, il sistema di frenata differenziale non permette di pivottare.

"Cletrac", o differenziale direttivo controllabile
Il sistema "Clectrac" è stato introdotto dalla Cleveland Tractor Company nel 1921. In questo sistema, un differenziale è progettato in modo tale che, applicando un freno ad un cingolo, l'altro cingolo è costretto a ruotare a un tasso determinato in proporzione alla velocità. Questo sistema produce una sterzata a un raggio fisso, ma è abbastanza efficiente. Facendo scivolare il freno, si possono raggiungere raggi di curvature più ampi, ma si perde efficienza.

La curva della forza frenante di imbardata è abbastanza piatta, quindi facile da controllare. Questo sistema è stato ampiamente utilizzato nei veicoli militari durante la seconda guerra mondiale. (Sherman, Matilda, Churcill ecc ecc.)

"Maybach" doppio differenziale direttivo
Il sistema Maybach è un perfezionamento del sistema Clectrac, nel quale gli ingranaggi del differenziale girano attorno ad un ingranaggio fisso, in questo sistema gli ingranaggi ruotano attorno ad un ingranaggio portato a ruotare ad una velocità proporzionale al numero di giri del motore. Il risultato è un raggio curvature diverso per ogni marcia in avanti.

Questo sistema è stato utilizzato dal Panther, spesso considerato il miglior carro armato della seconda guerra mondiale. Aveva sette marce in avanti, e così sette raggi di svolta.

Doppio differenziale direttivo
Un ulteriore affinamento del sistema di Maybach, sviluppato dal Maggiore Wilson del Regno Unito nel 1928... comporta l'aggiunta di una seconda trasmissione tra l'ingresso di comando della trasmissione ed il motore. Questo permette al differenziale di essere pilotato a differenti rapporti in proporzione alla velocità del motore e quindi di avere la possibilità di una multitudine di raggi di sterzatura ognuna delle quali proporzionale alla marcia selezionata
inoltre, non è retroattrattivo come la trasmissione Maybach, mentre rallenta un cingolo aumenta la velocità dell'altro. Questo sistema è il prcursore di tutti i moderni sistemi di sterzature dei carri odierni ed ha tutte le caratteristiche essenziali, è efficiente, non si auto-orienta, consente più giri di sterzatura, e permette il pivot.

Utilizzando un motore idraulico o un motore elettrico per comandare il piantone dello sterzo, permette qualsiasi raggio di sterzata. Questo è un miglioramento in un certo senso, però una perdita comunque, a causa della modesta efficacia dei sistemi elettrici e idraulici. Ciò porta spesso i progettisti a preferire un numero limitato di raggi di sterzatura piuttosto che generare calore superfluo.

Triplo differenziale direttivo
L'aggiunta di un terzo differenziale produce una trasmissione che è in un certo senso, una doppia trasmissione a differenziale con una trasmissione a differenziale frenato per governare il carro.
Praticamente tutti moderni afv adottano questo sistema.

Riferimenti
A Review Of Transmission Systems For Tracked Military Vehicles by Stuart J. McGuigan and Peter J. Moss, Journal of Battlefield Technology Vol. 1 No. 3.
Differentials, the Theory and Practice by Phillip Edwards, Constructor Quarterly, No. 1, Sept 1988.
TANK: A History of the Armoured Fighting Vehicle, by Kenneth Macksey and John H. Batchelor



... invio pubblicato con piacere dal soldato semplice Sven che si sbatte sull'attenti come sempre in perfetta divisa regolarmente in disordine spregiudicato ...


Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: TIGER I ..........   Mer 9 Feb 2011 - 21:37

:tank: ciao , molto interessante il tuo scritto sul tiger e letto con rinnovata meraviglia di fronte a un carro di cotanto spessore tattico e terribile prestazioni di fuoco e corazzatura ma aime sovrastato solo dalla matematica dell superiorita' numerica nemica , affraid e soprattutto rivedere i tuoi splendidi carri , un saluto da robby28 e riky94 dalla conpagnia pavia con fragore di tacchi cheers
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 12:57

Scusa la precisazione Sven ma dai miei testi risulta che sono stati prodotti circa 1350 carri Tigre 1 durante tutta la guerra ( non 5000 ) Exclamation Poi ho notato il simbolo divisionale della divisione Das Reich sul Tigre 007 di Wittman.....ma non era mica nella leibstandarte AH ... ? Restando sempre fermo sull'attenti ,inappuntabile nella divisa,incrollabile nella fede ti invio un solenne " Salvezza ! Purezza ! "
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 14:19

.



... ola Hausser... niente scuse figurati ... il testo è di provenienza americana e per questi ogni tank tedesco era in Tiger e la conta comunque è del tutto approssimativa a secondo le fonti ... e il dato trascritto credo sia una stima totale dal loro punto di vista.

... secondo la Henschel - Nibelungenwerk e Alkett sono usciti dal 42 al 44 ... 1355 ausf.E ... 487 ausf.B ... 90 J.Tiger Elefant 8.8 ... 74 J.Tiger ausf.B 12.8 ... e 18 stumtiger ausf. E 38 cm.


Il Tiger di Wittmann , forse fin troppo mitizzato ha una moltitudine di collocazioni a suo carico (senza voler sfatare un mito leggendario) su di lui la propaganda tedesca del momento costruì molto di quello che non fu di lui e persino la sua scomparsa fu oggetto d'insabbiamento e di misteri voluti .............. i tedeschi hanno insegnato l'arte di sceneggiare delle realtà mai esistite con enormi profitti e Hitler recitò una frase passata alla storia; Anche la peggiore delle bugie nel tempo è destinata a diventare una verità.

.... il carro è stato centrato in pieno e non da un altro carro armato .... l'ipotesi che un illustre sconosciuto aviatore avesse distrutto il mito germanico non dev'essere stato facile da digerire e la buttarono sulla caduta di un eroe (che dal mio personalissimo punto di vista si esaltava in ogni azione andando allo sbaraglio fin dagli inizi della sua carriera).

Durante la visita a Villers-Bocage la versione francese riporta la battaglia che distrusse l'intero villaggio anche lì raccontata ben diversamente (sarà che sono francesi) attraverso le dirette testimonianze dell'intera popolazione che assistette dalle colline .... la ragione del successo si deve alla totale ingnoranza alleata dell'imboscata e a detta di testimoni viventi, se il carro di Wittmann se ne fosse restato secondo gli ordini in postazione con tutti gli altri, la colonna sarebbe stata completamente annientata ..... pare che il suo ennesimo colpo di testa avvertì la colonna che dalla testa si ritirò immediatamente lasciando la punta ridotta in macerie.


... Ricambio il saluto da soldato ordinario camerata.

Smile

Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 15:04

Hausser ha scritto:
Poi ho notato il simbolo divisionale della divisione Das Reich sul Tigre 007 di Wittman.....ma non era mica nella leibstandarte AH ... ? Restando sempre fermo sull'attenti ,inappuntabile nella divisa,incrollabile nella fede ti invio un solenne " Salvezza ! Purezza ! "
Ciao Hausser concordo con la tua precisazione,infatti anche sulla mia documentazione Wittman non ha mai comandanto un Tiger della Das Reich e anche prendendo in mano il libro(per me)migliore prodotto sulla Das Reich non trovo nessuna notizia al riguardo su Wittman

P.S.
Se qualcuno stasera al locale lo vuole consultare mi avverta via MP che lo porto.
P.S.2
Ho sostituito la foto perchè quella di prima era sfuocata e l'ho abbellita Very Happy Very Happy Very Happy
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 15:24

.


... avviso ... questo come altri carri postati, sono stati eseguiti su indicazioni e quindi ovviamente non sono inerenti alle fonti storiche .......................



... ognuno la pensa come vuole sul suo giocattolo Laughing

Personalmente sui miei personali non ci metto niente, di repliche a soggetto poi se ne incontrano fin troppe e quello di Wittmann è del tutto inflazionato.

ola Gente.

Smile
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 15:34

Concordo appieno Very Happy
Ora con questa foto mi hai fatto venire la bava Laughing Laughing e siccome mi sono ripromesso che mi comprerò un altro Tiger Tamiya prima o poi per farlo Grigio e vedendo il tuo Tiki potrebbe essere una buona alternativa al classico grigio Very Happy Very Happy
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 15:35

Ola Sven ! per quanto riguarda il tuo giudizio storico su Wittman mi trovi pienamente d'accordo !! avventurarsi all'interno del villaggio per combattere a distanza ravvicinata gli inglesi con un tigre perdendo così il vantaggio del suo mezzo è stato da folle ....infatti eloquenti foto ritraggono bene la fine del suo tigre a villers bocage......ma come sempre era a caccia di medaglie......per quanto riguarda la sua fine ho visto una bellissima ricostruzione su history channel che svela il mistero : non un aereo ma bensì uno sherman che lo ha colpito sul fianco nel vano motore facendolo esplodere internamente ! Stava tentando un contrattacco (suicida ) con altri 2 tigre ,distrutti anchessi dallo stesso plotone di sherman che erano nascosti dietro un muro di pietre antichissimo di un castello della zona che poi è stato dato alle fiamme dalle truppe alleate dopo una notte di bagordi.....gli alleati per non inimicarsi la popolazione del luogo hanno sempre negato che loro truppe si trovassero nella zona perchè gli ufficiali rischiavano la corte marziale in quanto non era propriamente una " azione di guerra " ma distruzione deliberata di patrimonio artistico ....ricordiamoci gli ordini impartiti in seguito in olanda................
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 15:39

.




.
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 15:41

.




.
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 15:42

.





.


Ultima modifica di Sven Hassel il Dom 15 Gen 2012 - 9:42, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 15:44

.






.


Ultima modifica di Sven Hassel il Dom 15 Gen 2012 - 9:43, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 15:45

.





.


Ultima modifica di Sven Hassel il Dom 15 Gen 2012 - 9:44, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 15:53

.





.


Ultima modifica di Sven Hassel il Dom 15 Gen 2012 - 9:45, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 15:57

.





.


Ultima modifica di Sven Hassel il Dom 15 Gen 2012 - 9:47, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 15:58

.





.


Ultima modifica di Sven Hassel il Dom 15 Gen 2012 - 9:53, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 16:26

.




... quello che fanno in pochi .... l'abbassamento a filo della botola del caricatore.

.


Ultima modifica di Sven Hassel il Dom 15 Gen 2012 - 9:56, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 16:30

.




.


Ultima modifica di Sven Hassel il Dom 15 Gen 2012 - 9:57, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 16:31

.





.


Ultima modifica di Sven Hassel il Dom 15 Gen 2012 - 9:59, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 16:34

.






. propagand story.

.


Ultima modifica di Sven Hassel il Dom 15 Gen 2012 - 10:02, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Sven Hassel
Generale
Generale
avatar

Località (indirizzo completo) : Canzo
Età : 74
Messaggi : 5159
Data d'iscrizione : 09.02.11

MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 16:36

.





.sconsigliato.


.


Ultima modifica di Sven Hassel il Dom 15 Gen 2012 - 10:03, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 10 Feb 2011 - 17:17

lessahnevs ha scritto:
.





.sconsigliato.


.


STUPENDO :tank:
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   Gio 17 Feb 2011 - 8:32

Inutile dire sempre la stessa parola....quindi.... cheers cheers cheers cheers cheers
oltre alle foto anche un mare di notizie interessanti da cui prendere spunto !!
Ora non apro un altro topic, visto che qui si parla di tiger vorrei chiedere/ chiederti questo: il tiger hl in mio possesso è il tipico grigio e nella confezione erano presenti delle decals con questa numerazione 3818 in rosso con bordino bianco e delle croci nere con bordo sempre bianco, domanda: è mai esistito realmente??
Lo chiedo perchè è mia intenzione lasciare il tiger grigio, l'unica cosa che ho fatto è un pò di ruggine sulla bulleneria varia e negli interstizi tra gli sportelli, annerito gli scarichi e la bocca del cannone, però le decals vorrei fossero esatte( tra tante inesattezze almeno quello Laughing )!!!!
Su rctank.de ho visto nella sezione decal la foto che allego con il numero 332 tutto rosso e le croci nere contornate di grigio chiaro, potrebbero andare bene??




Se gentilmente hai qualche foto di tiger grigi da postare te ne sarei grato.
Ultima domanda, il tiger in questione è un early, correggimi se sbaglio, si possono mettere dei cingoli di scorta sulla torretta??....potrebbe essere una modifica campale??
Grazie anticipatamente per la disponibilità ed aggiungo che non si possono frequentare le elementari pensando di poter affrontare bene le medie se non si ha avuto un buon maestro. Wink
Ciao
enrico
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"   

Tornare in alto Andare in basso
 
Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Vai alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Il panzerkampwagen ausf. V "tiger"
» vendo tiger 1 garanzia italia
» libri illustrati sul tiger I - panther - kv1 e kv2 ecc-
» Cerco TIGER I tamiya senza elettronica
» Il mio primo passo nel mondo dei carri RC: Tiger I early version HL

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
carrirc.attivoforum.com :: RC TANK 1/16-
Andare verso: